Caution: You are browsing the legacy symfony 1.x part of this website.

Il file di configurazione factories.yml

1.2
Symfony version
1.4
Language

I factory sono oggetti del core necessari al framework durante la vita di ogni richiesta. Sono inizializzati nel file di configurazione factories.yml e sempre accessibili tramite l'oggetto sfContext:

// restituisce il factory per l'oggetto User
sfContext::getInstance()->getUser();

Per una applicazione il file di configurazione factories.yml può essere trovato nella cartella apps/NOME_APP/config/.

Come abbiamo detto durante l'introduzione, il file factories.yml è consapevole dell'ambiente, beneficia del meccanismo di configurazione a cascata, e può includere costanti.

Il file di configurazione factories.yml contiene un elenco di dichiarazioni di factory:

FACTORY_1:
  # definizione del factory 1
 
FACTORY_2:
  # definizione del factory 2
 
# ...

I nomi dei factory supportati sono: controller, logger, i18n, request, response, routing, storage, user, view_cache, e view_cache_manager.

Quando sfContext inizializza i factory, legge dal file factories.yml i nomi delle classi dei factory (class) ed i relativi parametri (param) per configurare i corrispettivi oggetti:

NOME_DEL_FACTORY:
  class: NOME_DELLA_CLASSE
  param: { ARRAY DI PARAMETRI }

La possibilità di modificare i factory significa che è possibile usare una classe personalizzata per istanziare un oggetto del core di symfony piuttosto che quella predefinita. È inoltre possibile cambiare anche il comportamento di queste classi modificando i parametri inviati alle stesse.

Se la classe di un factory non può essere caricata automaticamente, deve essere definito un parametro file che sarà utilizzato per indicare il percorso della classe che verrà automaticamente usato prima che il factory sia creato:

FACTORY_NAME:
  class: NOME_DELLA_CLASSE
  file:  PERCORSO_ASSOLUTO_DEL_FILE

note

Il file di configurazione factories.yml viene salvato in cache come file PHP; Il processo è automaticamente gestito dalla classe sfFactoryConfigHandler.

Factory

request

sfContext Accessor: $context->getRequest()

Configurazione standard:

request:
  class: sfWebRequest
  param:
    logging:           %SF_LOGGING_ENABLED%
    path_info_array:   SERVER
    path_info_key:     PATH_INFO
    relative_url_root: ~
    formats:
      txt:  text/plain
      js:   [application/javascript, application/x-javascript, text/javascript]
      css:  text/css
      json: [application/json, application/x-json]
      xml:  [text/xml, application/xml, application/x-xml]
      rdf:  application/rdf+xml
      atom: application/atom+xml

path_info_array

L'opzione path_info_array definisce l'array PHP globale che sarà usato per recuperare informazioni. In alcune configurazioni il valore predefinito potrebbe essere cambiato da SERVER ad ENV.

path_info_key

L'opzione path_info_key definisce la chiave sotto la quale l'informazione relativa a PATH_INFO può essere trovata.

Se è usato IIS con un modulo di riscrittura delle URL come IIFR o ISAPI, è necessario impostare questo parametro a HTTP_X_REWRITE_URL.

formats

L'opzione formats definisce un array di estensioni di file ed il corrispettivo Content-Type. È usata automaticamente dal framework per gestire il Content-Type di una risposta, in base all'estensione dell'URI richiesta.

relative_url_root

L'opzione relative_url_root definisce la parte di URL che precede il front controller. Normalmente, è automaticamente gestita dal framework e non necessita cambiamenti.

response

sfContext Accessor: $context->getResponse()

Configurazione standard:

response:
  class: sfWebResponse
  param:
    logging:           %SF_LOGGING_ENABLED%
    charset:           %SF_CHARSET%
    send_http_headers: true

Configurazione standard per l'ambiente di test:

response:
  class: sfWebResponse
  param:
    send_http_headers: false

send_http_headers

L'opzione send_http_headers specifica quando deve essere inviato un header di risposta insieme al contenuto della risposta. Questa opzione è particolarmente comoda per fare test, in quanto gli header sono inviati tramite la funzione PHP header(), che invia un warning se si sta provando ad inviare header dopo qualche tipo di output.

charset

L'opzione charset definisce il charset da utilizzare nella risposta. Il valore predefinito, preso dal parametro charset nel file settings.yml, è quello che serve la maggior parte delle volte.

http_protocol

L'opzione http_protocol definisce la versione del protocollo HTTP da utilizzare per la risposta. Come valore predefinito utilizza $_SERVER['SERVER_PROTOCOL'] altrimenti usa HTTP/1.0.

user

sfContext Accessor: $context->getUser()

Configurazione standard:

user:
  class: myUser
  param:
    timeout:         1800
    logging:         %SF_LOGGING_ENABLED%
    use_flash:       true
    default_culture: %SF_DEFAULT_CULTURE%

note

La classe myUser eredita da sfBasicSecurityUser, che può essere configurata nel file di configurazione security.yml.

timeout

L'opzione timeout definisce il timeout per l'autenticazione utente. Non è correlata al timeout della sessione. Il valore predefinito rimuove l'autenticazione ad un utente dopo 30 minuti di inattività.

Questa impostazione è usata solo dalle classi user che ereditano dalla classe base sfBasicSecurityUser, come nel caso della classe generata dal sistema myUser.

note

Per evitare comportamenti inaspettati, la classe user forza automaticamente la massima durata per il garbage collector delle sessioni (session.gc_maxlifetime) in modo che sia maggiore, o uguale, al timeout.

use_flash

L'opzione use_flash abilita o disabilita il componente flash.

default_culture

L'opzione default_culture definisce la direttiva di traduzione da usare per l'utente che entra nel sito per la prima volta. Se non dichiarato, utilizza il valore default_culture impostato nel file settings.yml.

caution

Se l'impostazione default_culture viene cambiata in factories.yml o in settings.yml, è necessario eliminare i cookie del browser per vedere le modifiche.

storage

Il factory storage è usato dal factory user per salvare i dati dell'utente tra una richiesta HTTP e l'altra.

sfContext Accessor: $context->getStorage()

Configurazione standard:

storage:
  class: sfSessionStorage
  param:
    session_name: symfony

Configurazione standard per l'ambiente di test:

storage:
  class: sfSessionTestStorage
  param:
    session_path: %SF_TEST_CACHE_DIR%/sessions

auto_start

L'opzione auto_start abilita o disabilita la partenza automatica della sessione di PHP (usando la funzione session_start() del linguaggio).

session_name

L'opzione session_name definisce il nome del cookie usato da symfony per memorizzare la sessione utente. Per impostazione predefinita, il nome è symfony, il che significa che tutte le applicazioni condividono lo stesso cookie (e quindi anche le corrispondenti autenticazioni e autorizzazioni).

session_set_cookie_params() parameters

Il factory storage chiama la funzione session_set_cookie_params() con il valore delle seguenti opzioni:

  • session_cookie_lifetime: Durata del cookie di sessione, definita in secondi.
  • session_cookie_path: Percorso sul dominio dove il cookie andrà a lavorare. Usare una barra singola (/) per tutti i percorsi sul dominio.
  • session_cookie_domain: Dominio del cookie, per esempio www.php.net. Per rendere visibili i cookie su tutti i sotto domini, il dominio deve essere preceduto da un punto, come .php.net.
  • session_cookie_secure: Se true, il cookie sarà inviato solo su connessioni sicure.
  • session_cookie_httponly: Se true, PHP tenterà di inviare il flag httponly quando imposta il cookie di sessione.

note

La descrizione di ciascuna opzione proviene dalla descrizione della funzione session_set_cookie_params() presente sul sito web del PHP

session_cache_limiter

Se l'opzione session_cache_limiter è assegnata, la funzione PHP session_cache_limiter() è chiamata e il valore dell'opzione è passato come parametro.

Database Storage-specific Options

Quando si utilizza uno storage che eredita dalla classe sfDatabaseSessionStorage, sono disponibili molte altre opzioni:

  • database: Il nome del database (necessario)
  • db_table: Il nome della tabella (necessario)
  • db_id_col: Il nome della colonna della chiave primaria (sess_id per impostazione predefinita)
  • db_data_col: Il nome della colonna con i dati (sess_data per impostazione predefinita)
  • db_time_col: Il nome della colonna con il tempo (sess_time per impostazione predefinita)

view_cache_manager

sfContext Accessor: $context->getViewCacheManager()

Configurazione standard:

view_cache_manager:
  class: sfViewCacheManager

caution

Questo factory è creato solo se l'impostazione cache è on.

La configurazione del gestore della cache della vista non include una chiave param. Questa configurazione è fatta attraverso il factory view_cache, che definisce il sottostante oggetto cache usato dal gestore della cache della vista.

view_cache

sfContext Accessor: none (usato direttamente dal factory view_cache_manager)

Configurazione standard:

view_cache:
  class: sfFileCache
  param:
    automatic_cleaning_factor: 0
    cache_dir:                 %SF_TEMPLATE_CACHE_DIR%
    lifetime:                  86400
    prefix:                    %SF_APP_DIR%/template

caution

Questo factory è definito solo se l'impostazione cache è on.

Il factory view_cache definisce una classe cache che deve ereditare da sfCache (vedere la sezione Cache per maggiori informazioni).

i18n

sfContext Accessor: $context->getI18N()

Configurazione standard:

i18n:
  class: sfI18N
  param:
    source:               XLIFF
    debug:                off
    untranslated_prefix:  "[T]"
    untranslated_suffix:  "[/T]"
    cache:
      class: sfFileCache
      param:
        automatic_cleaning_factor: 0
        cache_dir:                 %SF_I18N_CACHE_DIR%
        lifetime:                  31556926
        prefix:                    %SF_APP_DIR%/i18n

caution

Questo factory è definito solo se l'impostazione i18n è on.

source

L'opzione source definisce il tipo di contenitore per le traduzioni.

Built-in containers: XLIFF, SQLite, MySQL, and gettext.

debug

L'opzione debug imposta la modalità debug. Se on, i messaggi non tradotti sono decorati con un prefisso e un suffisso (vedere sotto).

untranslated_prefix

untranslated_prefix definisce un prefisso da usare per i messaggi non tradotti.

untranslated_suffix

untranslated_suffix definisce un suffisso da usare per i messaggi non tradotti.

cache

L'opzione cache definisce un factory cache anonimo da usare per mettere in cache i dati i18n (vedere la sezione Cache per maggiori informazioni).

routing

sfContext Accessor: $context->getRouting()

Configurazione standard:

routing:
  class: sfPatternRouting
  param:
    load_configuration:               true
    suffix:                           ''
    default_module:                   default
    default_action:                   index
    debug:                            %SF_DEBUG%
    logging:                          %SF_LOGGING_ENABLED%
    generate_shortest_url:            true
    extra_parameters_as_query_string: true
    cache:
      class: sfFileCache
      param:
        automatic_cleaning_factor: 0
        cache_dir:                 %SF_CONFIG_CACHE_DIR%/routing
        lifetime:                  31556926
        prefix:                    %SF_APP_DIR%/routing

variable_prefixes

Predefinito: :

L'opzione variable_prefixes definisce l'elenco dei caratteri che iniziano un nome variabile in uno schema di rotta.

segment_separators

Predefinito: / and .

L'opzione segment_separators definisce l'elenco dei separatori delle parti di rotta. La maggior parte delle volte, non si vuole sovrascrivere questa opzione per tutte le rotte, ma per alcune specifiche rotte.

generate_shortest_url

Predefinito: true per i nuovi progetti, false per i progetti aggiornati

Se true, l'opzione generate_shortest_url chiederà al sistema per le rotte di generare la rotta più corta possibile. Impostare a false se si vuole che le rotte siano retrocompatibili con symfony 1.0 e 1.1.

extra_parameters_as_query_string

Predefinito: true per i nuovi progetti, false per i progetti aggiornati

Se alcuni parametri non sono utilizzati per la generazione di una rotta, extra_parameters_as_query_string permette ai parametri aggiuntivi di essere convertiti in una query string. Settare a false per tornare al comportamento di symfony 1.0 o 1.1. In queste versioni, i parametri extra erano semplicemente ignorati dal sistema delle rotte.

cache

L'opzione cache definisce un factory cache anonimo da usare per mettere in cache la configurazione delle rotte e i dati (vedere la sezione Cache per maggiori informazioni).

suffix

Predefinito: none

Il suffisso predefinito da utilizzare per tutte le rotte. Questa opzione è deprecata e non è più di nessuna utilità.

load_configuration

Predefinito: true

L'opzione load_configuration definisce se i file routing.yml devono essere automaticamente caricati ed elaborati. Impostare a false se si vuole usare il sistema delle rotte di symfony fuori da un progetto symfony.

lazy_routes_deserialize

Predefinito: false

Se true, l'impostazione lazy_routes_deserialize abilita la de-serializzazione "lazy" della cache delle rotte. Questa opzione può migliorare le prestazioni delle applicazioni se si ha un elevato numero di rotte e se la maggior parte delle corrispondenze con le rotte sono collocate nelle prime posizioni. Si consiglia vivamente di verificare l'impostazione prima di andare in produzione, perché in certe circostanze può fare degradare le prestazioni.

caution

Questa impostazione è disponibile solo per symfony 1.2.7 o superiore.

lookup_cache_dedicated_keys

Predefinito: false

L'impostazione lookup_cache_dedicated_keys determina come la cache del routing è costruita. Se false, la cache è memorizzata come un solo grande valore; se true, ciascuna rotta ha la sua memorizzazione nella cache. Questa impostazione ottimizza le prestazioni.

Come regola generale, l'impostazione a false è migliore quando si usa una classe cache basata su file (per esempio sfFileCache), l'impostazione a true è migliore quando si usa una classe cache basata sulla memoria (per esempio sfAPCCache).

caution

Questo parametro è disponibile solo dalla versione 1.2.7 in poi di symfony.

logger

sfContext Accessor: $context->getLogger()

Configurazione standard:

logger:
  class: sfAggregateLogger
  param:
    level: debug
    loggers:
      sf_web_debug:
        class: sfWebDebugLogger
        param:
          level: debug
          condition:       %SF_WEB_DEBUG%
          xdebug_logging:  true
          web_debug_class: sfWebDebug
      sf_file_debug:
        class: sfFileLogger
        param:
          level: debug
          file: %SF_LOG_DIR%/%SF_APP%_%SF_ENVIRONMENT%.log

Configurazione standard per l'ambiente prod:

logger:
  class:   sfNoLogger
  param:
    level:   err
    loggers: ~

caution

Questo factory è sempre definito, ma il logging si verifica soltanto se l'impostazione logging_enabled è on.

level

L'opzione level definisce il livello del logger.

Possibili valori: EMERG, ALERT, CRIT, ERR, WARNING, NOTICE, INFO, or DEBUG.

loggers

L'opzione loggers definisce un elenco di logger da usare. L'elenco è un array di factory logger anonimi.

Built-in logger classes: sfConsoleLogger, sfFileLogger, sfNoLogger, sfStreamLogger, and sfVarLogger.

controller

sfContext Accessor: $context->getController()

Configurazione standard:

controller:
  class: sfFrontWebController

Factory cache anonimi

Alcuni factory (view_cache, i18n e routing) possono trarre vantaggio da un oggetto cache se definito nella loro configurazione. La configurazione dell'oggetto cache è simile per tutti i factory. La chiave cache definisce un factory cache anonimo. Come ogni altro factory, accetta le voci class e param. La voce param può accettare qualunque opzione disponibile per la data classe cache.

L'opzione prefix è la più importante, dal momento che permette di condividere o separare una cache tra differenti ambienti/applicazioni/progetti.

Classi cache disponibili: sfAPCCache, sfEAcceleratorCache, sfFileCache, sfMemcacheCache, sfNoCache, sfSQLiteCache, e sfXCacheCache.