Caution: You are browsing the legacy symfony 1.x part of this website.

Prerequisiti

Prima di installare symfony, si deve verificare che il proprio computer abbia ogni cosa installata e configurata correttamente. Una lettura approfondita di questo capitolo e l'esecuzione di tutti i passi richiesti per verificare la propria configurazione potrebbe far risparmiare molto tempo successivamente.

Programmi di terze parti

Prima di tutto, occorre verificare che il proprio computer disponga di un ambiente di lavoro adatto allo sviluppo sul web. Come minimo, si ha bisogno di un server web (come Apache), un database (MySQL, PostgreSQL, SQLite, o qualsiasi altro database compatibile con PDO) e di PHP 5.2.4 (o una versione successiva).

Interfaccia a riga di comando

Il framework symfony viene distribuito con uno strumento a riga di comando che automatizza molte cose. Se siete utenti di un sistema operativo derivato da Unix, vi troverete a vostro agio. Se siete su un sistema Windows, andrà tutto bene, dovrete solo scrivere pochi comandi nel prompt cmd.

note

I comandi del terminale di Unix possono essere utili in un ambiente Windows. Se si vogliono usare strumenti come tar, gzip, o grep su Windows, si può installare Cygwin. I più arditi possono anche provare Windows Services for Unix di Microsoft.

Configurazione di PHP

Siccome le configurazioni di PHP possono variare molto da un sistema operativo all'altro, o anche tra diverse distribuzioni Linux, occorre verificare che la propria configurazione di PHP soddisfi i requisiti minimi di symfony.

Innanzitutto, assicurarsi di avere almeno PHP 5.2.4 installato, usando la funzione di libreria phpinfo(), oppure eseguendo php -v nella riga di comando. Fare attenzione: in alcune configurazioni, si potrebbero avere installate versioni di PHP diverse, una per la riga di comando e l'altra per il web.

Quindi, scaricare lo script di symfony per la verifica della configurazione, al seguente indirizzo:

http://sf-to.org/1.4/check.php

Salvare lo script da qualche parte nella cartella radice del server web.

Lanciare lo script di verifica della configurazione dalla riga di comando:

$ php check_configuration.php

Se c'è un problema con la configurazione di PHP, il risultato del comando darà alcuni consigli su cosa sistemare e su come farlo.

Si dovrebbe eseguire lo script anche da un browser e sistemare gli eventuali problemi scoperti. Questo perché PHP può avere un file di configurazione php.ini diverso per questi due ambienti, con diverse impostazioni.

note

Non dimenticare di rimuovere il file dalla cartella radice del server web quando si ha finito.

NOTE Se si vuole solo provare symfony per qualche ora, si può installare la sandbox di symfony, come descritto nell'Appendice A. Se invece si vuole creare un vero nuovo progetto o imparare di più su symfony, si prosegua con la lettura.